Storia

Prima di essere un castello per matrimoni in Toscana, il Castello Il Palagio, era una roccaforte adibita a difesa dell'area: presumibilmente risale al 1252 ma ci sono elementi che fanno pensare sia molto più antico. Nell’area infatti ci sono insediamenti Etruschi e poi Romani.

Grazie alla sua posizione strategica, situata sulla linea fortificata che andava da San Casciano a St. Andrea a Fabbrica, e le sue dimensioni, il Castello Il Palagio è sopravvissuto ed ha protetto l’intero contado dell’area da molte incursioni nel corso dei secoli. Era veramente un punto focale nella difesa del territorio e grazie alle sue spesse mura fortificate e l'alta torre del mastio ha resistito anche alla prova del tempo meglio di molte altre costruzioni più recenti.

Nel 1320 il castello Il Palagio è stato ampliato fino a quasi raddoppiare le dimensioni iniziali, ed era molto più grande di quello che vediamo oggi. Questo ha rafforzato la sua posizione di roccaforte a difesa di questa zona della Toscana diventando anche un buon punto strategico per azioni offensive.

Il castello Il Palagio, appartenuto alla famiglia Canigiani, divenne poi proprietà della Repubblica Fiorentina (come tutti i castelli in questa area della Toscana) per più di due secoli. Nel XVII secolo è stato acquistato dalla famiglia Miniati di Dino che lo ha trasformato in una residenza nobiliare lussuosa, decorata con opere d'arte di grande qualità. Da questo momento Il Palagio inizia ad acquisire il suo aspetto finale di tipico castello Toscano con funzioni più residenziali che belliche.

Proprio in quel periodo, alberi magnifici sono stati collocati lungo le pareti e il giardino è diventato più grande fino a raggiungere il picco di bellezza e ricchezza nei secoli XVII e XVIII.